Prestiti

Cos'è un prestito personale?

Il prestito personale è un prodotto di credito al consumo che prevede il finanziamento di una somma prefissata ad un tasso di interesse in genere fisso e rimborsabile secondo un piano di ammortamento a rate costanti. Rientra nella categoria dei prestiti non finalizzati cioè in quelle operazioni di finanziamento non direttamente collegate all’acquisto di uno specifico bene o servizio.

Infatti, il prestito non finalizzato, non prevede la presenza di garanzie reali (come un bene acquistato), anche se può capitare che la società finanziatrice richieda delle garanzie personali come la firma di un coobbligato o una fideiussione. L'eventuale richiesta di garanzie dipende dal profilo di rischio (o score) della singola operazione e del singolo richiedente.
L’assenza di un bene o servizio acquistato che possa fungere da garanzia in caso di insolvenza da parte del debitore, rende questo prodotto rischioso per l’istituto finanziatore.

In caso di estinzione anticipata di un prestito la banca o finanziaria richiederà il versamento del capitale residuo, degli interessi e degli altri oneri maturati fino a quel momento e, se previsto nel contratto (cosa che normalmente accade), di un compenso comunque non superiore all’1% del capitale residuo. Qualora il contratto non specifichi qual è l’importo del capitale residuo dopo ciascuna rata di rimborso, si deve intendere come capitale residuo la somma del valore attuale di tutte le rate non ancora scadute alla data dell’adempimento anticipato, il tasso di interesse da utilizzare nel calcolo è invece quello in vigore al momento dell’adempimento anticipato.

 

Elementi essenziali

Prima di sottoscrivere un contratto di credito è opportuno esaminare alcuni elementi essenziali per valutare il costo reale del prestito, poichè le voci di spesa di un finanziamento sono numerose (capitale erogato, interessi, oneri accessori, spese iniziali, spese assicurative) e non sono facilmente integrabili in una misura di costo unica.

Gli elementi essenziali da valutare sono:

  1. TAN (Tasso annuo nominale);
  2. Le spese d’istruttoria;
  3. Eventuali spese assicurative;
  4. TAEG (tasso annuo effettivo globale) .